Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

Richiesta del passaporto

Informazioni importanti

Minori da 0 a 11 anni: SOLO PER CORRISPONDENZA

Minori dai 12 ai 17 anni e maggiorenni: APPUNTAMENTO ONLINE

Necessaria documentazione DA PRESENTARE ALL’APPUNTAMENTO

Rilascio del passaporto

 

L’ufficio passaporti del Consolato Generale d’Italia a Lugano ha competenza al rilascio del passaporto per i/le cittadini/e italiani/e regolarmente iscritti/e all’A.I.R.E. della circoscrizione consolare del Canton Ticino.

Per ottenere il rilascio del passaporto occorre che la situazione anagrafica del/la richiedente sia correttamente aggiornata (vedasi Anagrafe e utilizzare il Portale FAST IT – Servizi consolari on-line per comunicare eventuali modifiche PRIMA dell’appuntamento).

MINORI DI ANNI 12 – SOLO PER CORRISPONDENZA:

la richiesta deve essere sottoscritta da entrambi i genitori con l’apposito modulo di richiesta per minore: DOMANDA DI RILASCIO PER MINORE e ISTRUZIONI e sarà evasa interamente per corrispondenza.

La tempistica si attesta a 30 giorni lavorativi dalla ricezione della documentazione corretta e completa.

Una delle due fotografie richieste deve essere autenticata dal Comune svizzero di residenza o presso un locale notaio. La firma del genitore cittadino/a Extra-UE (Svizzera compresa) deve essere autenticata presso il Comune svizzero di residenza o un locale notaio.

ATTENZIONE! Per i/le neonati/e è necessario che l’atto di nascita sia pervenuto presso l’Ufficio di Stato Civile del Consolato e debitamente registrato. Vedasi Trascrizione dell’estratto dell’atto di nascita.

 

MAGGIORENNI E MINORI DAI 12 AI 17 ANNI PRENOTAZIONE ONLINE:

Per richiedere il passaporto è necessario richiedere l’appuntamento tramite Prenot@mi: https://prenotami.esteri.it,  seguendo le istruzioni della guida e scegliendo la data/fascia oraria di preferenza allo sportello disponibile per il servizio Passaporti.
ATTENZIONE! I dati anagrafici devono corrispondere a quelli indicati sul documento d’identità ed al/la richiedente il passaporto: se il richiedente è persona diversa dal possessore dell’account, occorre specificarlo nelle NOTE PER LA SEDE, inserendo i dati completi dell’effettivo richiedente: nome, cognome, data e luogo di nascita.


COSA PRESENTARE IL GIORNO DELL’APPUNTAMENTO:

modulo di richiesta con TUTTA la documentazione elencata nelle relative istruzioni:

Maggiorenni: DOMANDA DI RILASCIO PER MAGGIORENNI e ISTRUZIONI

Minori dai 12 ai 17 anni: DOMANDA DI RILASCIO PER MINORE e ISTRUZIONI

Le pratiche sprovviste di documentazione NON SARANNO PRESE IN CARICO e sarà necessario prenotare un altro appuntamento.

Attenzione! 1 passaporto = 1 appuntamento: qualora si desideri l’emissione del passaporto per più persone (massimo 4 compreso/a l’interessato/a) è necessario prenotare un appuntamento per ogni persona. Alle persone prive di appuntamento non potrà essere permesso l’accesso al servizio.

L’appuntamento è finalizzato unicamente al rilascio del passaporto. Si ricorda di NON FISSARE APPUNTAMENTI PER EVENTUALI ACCOMPAGNATORI.

Una volta effettuata, la prenotazione È AUTOMATICAMENTE CONFERMATA: è pertanto obbligatorio cancellarla in caso d’impossibilità a presentarsi, per lasciare l’appuntamento libero e prenotabile per un altro utente.

 

RILASCIO DEL DOCUMENTO:

Il giorno dell’appuntamento il passaporto sarà rilasciato a vista, TRANNE CHE nei seguenti casi:

1) qualora non si sia ancora iscritti nell’Anagrafe consolare (A.I.R.E.) di questo Consolato Generale (vedasi Anagrafe);

2) qualora manchi l’assenso di entrambi i genitori al rilascio del passaporto per i minori;

3) qualora sia necessario ottenere un Nulla Osta/delega da parte di una Questura o di un altro Consolato;

4) per i/le cittadini/e nati/e e residenti all’estero, laddove l’atto di nascita non sia debitamente trascritto in Italia occorre presentarne copia ai fini della debita trascrizione;

5) qualora non si presenti fotocopia dell’avvenuto versamento del contributo amministrativo dovuto per il rilascio di un nuovo passaporto (effettuato con un anticipo di almeno 3 giorni lavorativi precedenti l’appuntamento) o non si effettui il pagamento il giorno dell’appuntamento tramite BANCOMAT (esclusivamente V PAY, MAESTRO, POSTFINANCE). L’utilizzo dei contanti sarà limitato ai soli casi di estrema necessità.

AVVERTENZE

A partire dal 14 giugno 2023, con l’entrata in vigore del DL 13 giugno 2023, n. 69, non è più necessario l’assenso dell’altro genitore di figli minori per il rilascio del proprio passaporto. Diventa invece necessario attestare l’assenza di inibitorie al rilascio del documento mediante una dichiarazione da rendere sotto la propria responsabilità a norma degli artt. 46 e 47 del DPR 445/2000. Si prega dunque di utilizzare la modulistica aggiornata.
Inoltre, il novellato articolo 3-bis della Legge 1185/1967 indica che, quando vi è concreto e attuale pericolo che a causa del trasferimento all’estero il genitore di figli minorenni possa sottrarsi all’adempimento dei suoi obblighi verso i figli, sarà possibile per l’altro genitore richiedere una inibitoria al rilascio del documento.
L’istanza potrà essere presentata presso il giudice competente presso il Tribunale ordinario in cui il minore ha la residenza abituale ovvero, se il minore è residente all’estero, il Tribunale nel cui circondario si trova il suo Comune di iscrizione AIRE.

Ai fini del rilascio dei documenti per i minori, invece, resta l’obbligo dell’assenso firmato da entrambi i genitori o da chi esercita la responsabilità genitoriale.

Se un genitore si rifiuta di firmare l’atto di assenso al rilascio dei documenti per i minori:

il/la richiedente può ottenere il passaporto esclusivamente tramite la pronuncia del Giudice tutelare territorialmente competente in relazione alla residenza del/i minore/i coinvolto/i. Se questi/e ultimi/e sono residenti in questa circoscrizione consolare, il richiedente dovrà avviare la procedura di richiesta di emissione di un decreto consolare da parte del Console Generale a Lugano. Questo procedimento si avvia con la presentazione di un’istanza scritta dell’interessato/a, indicando i motivi del mancato assenso e le ragioni per cui il rifiuto viene eventualmente ritenuto pretestuoso o ingiustificato. La domanda deve inoltre contenere:

– l’ultimo indirizzo ed i contatti (telefono, e-mail, etc.) del genitore non consenziente, in modo da agevolare l’attività successiva dell’Ufficio Consolare.

Si fa presente che, in fase istruttoria, l’Ufficio potrà richiedere documentazione supplementare a comprova delle dichiarazioni ricevute ed eventualmente informazioni dettagliate circa gli obblighi imposti alla responsabilità genitoriale ed all’affidamento del minore.