Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

Presentazione del volume “Bruno Snell. La scoperta dello spirito. La cultura greca e le origini del pensiero europeo”. Sala Cattaneo del Consolato generale d’Italia, giovedì 2 maggio 2024 alle ore 18:00.

volume BRUNO SNELL

L’ Associazione Italiana di Cultura Classica, Delegazione della Svizzera Italiana, in collaborazione con il Consolato Generale d’Italia presenta il volume ”BRUNO SNELL. LA SCOPERTA DELLO SPIRITO LA CULTURA GRECA E LE ORIGINI DEL PENSIERO EUROPEO” a cura di Roberto Andreotti. Interviene, con Roberto Andreotti, M. Laura Gemelli-Marciano, Professoressa em. dell’Università di Zurigo.

Giovedì, 2 maggio 2024, ore 18:00 – Lugano, Consolato Generale d’Italia, Sala Carlo Cattaneo

 

ROBERTO ANDREOTTI
Dal 1998 Roberto Andreotti è editor di «Alias», il supplemento culturale del manifesto, che dal dicembre 2011 esce anche in un’edizione domenicale dedicata ai libri e alle mostre. Negli anni di formazione studia filologia classica a Pisa, laureandosi sull’Eneide di Virgilio (relatore G.B. Conte, correlatore A. Barchiesi, a.a. 1983-1984). Più recentemente i suoi interessi di studio si sono concentrati sulla ricezione moderna e contemporanea del Classico, con particolare riguardo a Omero e Virgilio. Su questi temi ha tenuto conferenze e seminari in diverse sedi universitarie e pubblicato – oltre ad alcuni contributi di studio – due raccolte di articoli: Classici Elettrici. Da Omero al tardoantico (Rizzoli- Bur, 2006); Ritorni di fiamma. Augusto, Virgilio, Ovidio e altri classici (Rizzoli-Bur, 2009). Sempre nel 2009 ha curato l’Almanacco Bur Resistenza del Classico, in occasione dei 60 anni della Bur. Tra il 2002 e il 2008 ha collaborato ai programmi culturali di Radio3 Rai. Dal 2014 al 2019 ha insegnato “Giornalismo culturale” al Master in giornalismo della IULM a Milano. Il suo lavoro più recente è il saggio sulla fortuna italiana di Bruno Snell, premesso alla nuova edizione italiana di La scoperta dello spirito. La cultura greca e le origini del pensiero europeo (Luiss University Press 2021).

M. LAURA GEMELLI-MARCIANO
M. Laura Gemelli-Marciano è emerita Titularprofessorin di filologia classica dell’Università di Zurigo. Dopo la laurea all’Università di Genova, ha conseguito il dottorato e la libera docenza  all’Università di Zurigo sotto la guida di Walter Burkert di cui è stata anche assistente e collaboratrice scientifica. Ha insegnato in questa università fino al pensionamento e tenuto corsi anche nelle Università di Berna e Basilea. I suoi interessi di ricerca sono legati principalmente ai cosiddetti presocratici su cui ha pubblicato numerosi articoli in varie lingue in riviste internazionali e in volumi collettivi italiani e stranieri, ma si estendono anche alla poesia epica, alla medicina, alla religione e alla mistica antica. Tra le sue pubblicazioni, oltre ai tre volumi dell’edizione tedesca dei
Vorsokratiker (2007-2010; 20132) e il primo volume dei Presocratici della Fondazione Valla (2023), sono da ricordare Le metamorfosi della tradizione. Mutamenti di significati e neologismi nel Peri physeos di Empedocle (1990); Democrito e l’Accademia. Studi sulla trasmissione dell’atomismo antico da Aristotele a Simplicio (2007) e Parmenide. Suoni, immagini, esperienza (2013). Ha curato con W. Burkert, E. Matelli e L. Orelli Facchini, gli atti del congresso internazionale Fragmentsammlungen philosophischer Texte der Antike / Le raccolte dei frammenti di filosofi antichi (1998) e il secondo volume (Orientalia) delle Kleine Schriften di W. Burkert (2003).

Bruno Snell, La scoperta dello spirito. La cultura greca e le origini del pensiero europeo, prefazione di Roberto Andreotti, Roma, Luiss University Press, 2021. A settant’anni dalla prima traduzione italiana di La cultura greca e le origini del pensiero europeo di Bruno Snell (Einaudi 1951), la Luiss University Press pubblica una nuova traduzione aumentata di questo ‘classico’ della storiografia del secondo Novecento, concepito nei remoti anni Trenta e Quaranta ma ripetutamente aggiornato dal suo longevo autore (1896-1986) nelle varie edizioni uscite in Germania. La nuova edizione LUISS, basata su quella definitiva tedesca del 1975, rivede e integra le precedenti traduzioni Einaudi, emendando errori e sviste e aggiornando la bibliografia tedesca di corredo, nel frattempo recepita in Italia. Inoltre viene ripristinato il titolo originale di Snell (La scoperta dello spirito), non accolto a suo tempo dalla Einaudi. Il volume è aperto da una lunga prefazione critica di Roberto Andreotti, che colloca la figura di Snell nell’evoluzione degli studi di filologia classica di questi settant’anni e ricostruisce tutte le tappe della fortuna italiana del saggio, a partire dalla primissima scheda editoriale di Cesare Pavese. Oggi noi siamo molto distanti dalla visione elleno-centrica di questo libro di matrice idealistica, tuttavia esso è ancora meritevole di essere letto (e riletto) con rispettosa attenzione: non solo per l’appagante limpidezza di uno stile saggistico di rara eleganza, ma soprattutto perché ci induce a riflettere criticamente sul ruolo attuale e futuro del Classico in un Occidente irreversibilmente multietnico e ‘plurale’.

Associazione Italiana di Cultura Classica
Delegazione della Svizzera Italiana
segreteria@culturaclassica.ch
www.culturaclassica.ch

Con il sostegno della Repubblica e Cantone Ticino / Aiuto federale per la lingua e la cultura italiana.
Per informazioni rivolgersi al segretariato della Delegazione della Svizzera Italiana dell’Associazione Italiana di Cultura Classica