Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Matrimonio e unioni civili

 

Matrimonio e unioni civili

I matrimoni e le unioni civili contratti all’estero devono essere registrati presso l’ufficio di stato civile del Comune italiano competente.

In Svizzera, se uno dei nubendi è di sola cittadinanza italiana, le Autorità locali trasmettono d’ufficio a questo Consolato Generale l’atto di matrimonio o di unione domestica registrata (In Italia: Unione Civile). In caso di doppia cittadinanza (italiana-svizzera) di entrambi i nubendi, i predetti documenti non verranno piu' trasmessi in automatico. Gli interessati dovranno pertanto provvedere ad inoltrare via posta o tramite consegna di persona durante gli orari di apertura al pubblico (sportello A) l’ “Estratto dell’Atto di matrimonio” o di "Unione domestica registrata" in formato ORIGINALE.  Per l'atto di matrimonio dovra' essere presentato il modello internazionale plurilingue denominato (CIEC). I documenti saranno poi trasmessi al/ai Comune/i di iscrizione AIRE competente/i alla trascrizione dell'atto o dell'unione civile.

Si fa inoltre presente che in conformità a quanto prescritto dalle Autorità elvetiche in materia di esclusivita' di esercizio di funzioni di stato civile, e' fatto divieto alle Rappresentanze diplomatico/consolari straniere in Svizzera di esercitare le predette funzioni (Nota Autorita' Elvetica). Pertanto, sia i matrimoni che le unioni civili NON possono essere celebrati presso questo Consolato Generale.
Ne consegue dunque che i matrimoni e le unioni civili potranno essere contratti/e in questa circoscrizione consolare unicamente presso gli uffici circondariali dello stato civile elvetico del Cantone Ticino. Si suggerisce a tal proposito di indirizzare ogni eventuale richiesta di informazioni direttamente alle Autorità locali.

Matrimonio in Svizzera

Il cittadino italiano regolarmente iscritto all’A.I.R.E. che intende contrarre matrimonio innanzi alle Autorità locali, non deve rivolgersi all’Ufficio consolare per richiedere le pubblicazioni di matrimonio, poiché queste non sono richieste dalle Autorità svizzere. (Art. 110 del D.P.R. 396/2000 che abroga il secondo comma art.115 del C.C. e Sentenza del Consiglio di Stato n. 3105/07).

La procedura matrimoniale come detto, è interamente sottoposta alla normativa locale, per cui sarà l’ufficiale dello stato civile svizzero ad indicare la documentazione da presentare e l'iter da seguire.

Scelta del regime di separazione dei beni

Poiche' gli atti di matrimonio (ad esclusione dei cittadini in possesso anche della cittadinanza elvetica) vengono trasmessi d'ufficio a questo Consolato da parte delle locali Autorita' non sara' possibile eleggere al momento della trasmissione al/ai competente/i Comune/i in Italia  la scelta del regime di separazione dei beni, che verra' considerato pertanto in comunione.

Successivamente sara' pero' sufficiente presentare all'ufficio di stato civile del Consolato un atto redatto da un notaio esercitante in Svizzera, in formato originale e corredato da "apostille", che verra' inoltrato al Comune italiano dove risulta trascritto l'atto di matrimonio, variando di fatto il regime da comunione a separazione dei beni. Si fa presente inoltre che come per tutti gli atti redatti all'estero da far valere in Italia se non in lingua italiana, sara' obbligatorio presentare la corrispondente traduzione asseverata presso un Tribunale italiano o legalizzata dalla Rappresentanza diplomatico/consolare italiana in Svizzera (N.B. Il Consolato Generale di Lugano non possiede la lista di traduttori di fiducia in quanto la lingua ufficiale del Cantone Ticino e' l'italiano).

In alternativa l'atto inerente la scelta di regime di separazione dei beni potra' essere redatto anche presso il Consolato Generale, previo appuntamento da concordare scrivendo una mail al competente ufficio (notarile.lugano@esteri.it).

 

Matrimonio in Italia - Richiesta di pubblicazioni matrimoniali (art. 51, comma 1, del D.P.R. 3 novembre 2000, n. 396)

  1. I cittadini italiani entrambi residenti in questa Circoscrizione consolare che desiderano contrarre matrimonio in Italia devono fare richiesta di pubblicazioni di matrimonio a questo Consolato Generale.
  2. Nel caso in cui uno dei due nubendi risiede in Italia, la richiesta di pubblicazioni potrà essere presentata anche solo al Comune italiano di residenza. In tal caso le pubblicazioni di matrimonio saranno richieste dallo stesso Comune.
  3. Nel caso in cui uno dei due nubendi risiede in altra Circoscrizione consolare, le pubblicazioni saranno effettuate nelle rispettive Rappresentanze diplomatiche o consolari.

Le pubblicazioni matrimoniali saranno pubblicate sul sito web alla pagina Albo consolare - Pubblicazioni di matrimonio per un periodo di otto giorni consecutivi.

È possibile richiedere le pubblicazioni di matrimonio per posta ordinaria, posta elettronica ordinaria (statocivile.lugano@esteri.it) o certificata (con.lugano.anagrafe@cert.esteri.it) presentando o inviando la seguente documentazione:

  1.  formulario di richiesta di pubblicazioni di matrimonio;
  2.  fotocopia dei documenti d'identità dei nubendi;
  3.  se trattasi di matrimonio concordatario (religioso con effetti di stato civile) occorre presentare il modello X - "richiesta pubblicazioni di matrimonio" formulata dal responsabile religioso incaricato (parroco,ministro di culto, etc.)

 

E, nel caso in cui uno dei nubendi è cittadino straniero, la seguente documentazione:

DOCUMENTAZIONE NECESSARIA PER IL NUBENDO DI CITTADINANZA STRANIERA

(3)

ATTO DI NASCITA

per i cittadini dei Paesi aderenti alla Convenzione di Vienna dell'8 settembre 1976:

Austria - Belgio - Bosnia e Erzegovina - Bulgaria - Capo Verde - Croazia - Estonia - Francia - Germania - Italia - Lituania - Lussemburgo - Macedonia – Moldova - Montenegro - Paesi Bassi - Polonia - Portogallo - Romania - Serbia - Slovenia - Spagna - SVIZZERA - Turchia

Estratto dell’atto di nascita internazionale su modello plurilingue in originale.

per i paesi aderenti alla Convenzione de L’Aia del 5 ottobre 1961:

Albania - Andorra - Antigua e Barbuda - Argentina - Armenia - Australia - Austria - Azerbaijan - Bahamas - Barbados - Bielorussia - Belgio - Belize - Bosnia-Erzegovina - Botswana - Brasile - Brunei-Darussalam - Bulgaria - Capo Verde- Cina (Hong Kong) - Cina (Macao) - Cipro - Colombia - Costa Rica - Croazia - Corea del Sud - Danimarca - Dominica - Ecuador - El Salvador - Estonia -Federazione Russa - Fiji - Finlandia - Francia - Georgia - Germania - Giappone - Gran Bretagna - Grecia - Grenada - Honduras - India - Irlanda - Islanda -Isole Cook - Isole Marshall - Israele - Italia - Kazakhstan - Kirghizistan - Lesotho - Lettonia - Liberia - Liechtenstein - Lituania - Lussemburgo - Macedonia - Malawi - Malta - Marocco - Mauritius - Messico - Moldova - Monaco - Mongolia - Montenegro - Namibia - Nuova Zelanda - Niue - Norvegia - Oman - Panama - Paesi Bassi - Perù - Polonia - Portogallo - Repubblica Ceca - Repubblica Dominicana - Romania - Saint Kitts and Nevis - Saint Lucia - Saint Vincent and the Grenadines - Samoa - San Marino - Sao Tome e Principe - Serbia - Seychelles - Slovacchia - Slovenia - Spagna - Sud Africa - Suriname - Svezia - Svizzera - Swaziland - Tonga - Trinidad e Tobago - Turchia - Ucraina - Ungheria - USA - Vanuatu - Venezuela

Atto/Estratto di nascita in originale con indicazione della maternità e paternità debitamente“apostillato
(timbro “Apostille”).

L’atto dovrà essere altresì tradotto con “certificato di conformità della traduzione” (timbro “per traduzione conforme”) da richiedere alla Rappresentanza diplomatica-consolare italiana territorialmente competente. In alternativa presso un Tribunale italiano.

per tutti gli altri Paesi -> Atto/Estratto di nascita in originale con indicazione
della maternità e paternità, debitamente legalizzato e tradotto presso la competente Rappresentanza diplomatica consolare italiana.

(4)

"NULLA OSTA" MATRIMONIO

per i cittadini dei Paesi aderenti alla Convenzione di Monaco del 5 settembre 1980:

Austria - Germania - Italia - Lussemburgo - Moldova - Paesi Bassi - Portogallo - Spagna - SVIZZERA - Turchia

Certificato di capacità matrimoniale in originale

per i paesi aderenti alla Convenzione di Londra del 7 giugno 1968:

Austria - Cipro - Francia - Germania - Grecia - Irlanda - Liechtenstein - Lussemburgo - Norvegia - Paesi Bassi - Polonia - Portogallo - Repubblica Ceca - Repubblica Moldova - Regno Unito - Romania - Spagna - Svezia - Svizzera - Turchia

Attestazione di assenza di impedimenti per contrarre matrimonio. L’attestazione può essere richiesta anche
alla competente Rappresentanza straniera in Italia.
per tutti gli altri Paesi -> Attestazione di assenza di impedimenti per contrarre matrimonio. L’attestazione può essere richiesta anche alla competente Rappresentanza straniera in Italia. In tal caso sarà necessaria, laddove previsto, la legalizzazione presso una Prefettura italiana.

 

Legalizzazione prefettizia
La "Legalizzazione" consiste nell'attestazione della qualità legale del Pubblico Ufficiale che ha apposto la propria firma su un documento (atti, copie ed estratti), nonché dell'autenticità della firma stessa.
La Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo provvede, per delega del Ministero degli Affari Esteri, alla legalizzazione delle firme su documenti da e per l'estero.
La Prefettura-U.T.G. legalizza:
•atti e documenti formati in Italia affinché abbiano valore all'estero;
•atti e documenti formati da una rappresentanza diplomatica o consolare estera residente in Italia, affinché abbiano valore in Italia.
ATTENZIONE: La legalizzazione degli atti firmati dai Notai, dai Funzionari di Cancelleria e dagli Ufficiali Giudiziari è di competenza della Procura della Repubblica.
La legalizzazione delle firme non è necessaria per gli atti e i documenti rilasciati dalle seguenti Ambasciate e/o Consolati aderenti alla Convenzione Europea di Londra del 7 giugno 1968: Austria, Grecia, Malta, Portogallo, Svezia, Cipro, Irlanda, Norvegia, Regno Unito, Svizzera, Francia, Liechtenstein, Paesi Bassi, Repubblica Ceca, Turchia, Germania, Lussemburgo, Polonia e Spagna.
I documenti formati o da valere negli Stati aderenti alla Convenzione dell'Aja del 5 ottobre 1961 devono essere sottoposti alla formalità della postilla c.d. "Apostille" (prevede un timbro speciale attestante l'autenticità del documento e la qualità legale dell''Autorità rilasciante), in luogo della legalizzazione.


127