Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

PASSAPORTO BIOMETRICO

 

PASSAPORTO BIOMETRICO

PASSAPORTO BIOMETRICO (Modulistica)

Il passaporto biometrico è un documento di viaggio e di riconoscimento valido in tutti i Paesi il cui Governo è riconosciuto dal Governo italiano le cui caratteristiche di sicurezza risultano conformi alla normativa europea.

All’interno del passaporto biometrico v’è integrato un microchip, ove sono contenuti in formato digitale:

1. l'immagine del volto (visibile sullo stesso passaporto) (*)

2. le impronte digitali (non visibili sul passaporto) (*)

Nel ricordare che il possesso del passaporto è requisito essenziale per l’ingresso nella maggior parte dei Paesi extraeuropei, prima di intraprendere un viaggio si raccomanda un’attenta consultazione del sito web www.viaggiaresicuri.it dove sarà possibile reperire, per ogni singolo Stato di destinazione, le informazioni aggiornate sul/i documento/i di viaggio richiesto/i per l’ingresso nel Paese e su eventuali restrizioni e/o requisiti specifici.

- Non è più previsto il rinnovo del passaporto: alla data di scadenza occorre richiedere l’emissione di un nuovo documento.

- Qualora necessario si potrà richiedere l’emissione del nuovo documento anche prima della data di scadenza.

- Dal 24 Giugno 2014 è stato introdotto un contributo amministrativo di € 73,50 per il rilascio del passaporto ordinario, oltre al costo del libretto (pari a d euro 42,50). Contestualmente è stata abolita la tassa di rilascio e quella annuale (cosiddetto "Bollo") del passaporto ordinario (quindi il contributo di € 73,50 è valido fino alla scadenza del documento). Ai sensi di quanto previsto dalla Tariffa consolare, all’estero tale modifica è entrata in vigore l’8 luglio 2014.

ESEMPI DI FOTO IDONEE PER IL PASSAPORTO

Validità del passaporto:

• 10 anni per i maggiorenni

• 3 anni per i minori fino a tre anni di età

• 5 anni per i minori da tre fino a diciotto anni di età

Passaporto individuale per i minori

Dal 25 novembre 2009 non è più possibile iscrivere i minori sul passaporto del genitore o del tutore o altra persona delegata ad accompagnarli. Dalla stessa data tutti i passaporti rilasciati a minori di 14 anni devono contenere l’indicazione dei nomi dei genitori (o tutore o altra persona delegata ad accompagnarli).

Se il/la richiedente è genitore di minori:

è obbligatoriamente richiesto l'assenso dell'altro genitore a prescindere che si tratti di convivente, coniuge, separato o divorziato (ex. art. 3 lett. b Legge 1185/67). L'atto di assenso è una dichiarazione personale che il genitore può sottoscrivere utilizzando la parte finale della DOMANDA DI RILASCIO PER MAGGIORENNI e ISTRUZIONI oppure l'apposito Modulo di assenso al rilascio in favore di richiedente con figli minori. All'atto di assenso va allegata una fotocopia del proprio documento di identità compresa la pagina ove sia visibile la firma. La firma del genitore non cittadino dell’Unione Europea (Svizzera compresa) va autenticata presso il comune svizzero di residenza, un Notaio o in presenza dell’operatore/ice dell’ufficio passaporti il giorno dell’appuntamento del/la richiedente.

Se un genitore si rifiuta di firmare l'atto di assenso, il/la richiedente può ottenere il passaporto esclusivamente tramite la pronuncia del Giudice tutelare territorialmente competente in relazione alla residenza del/i minore/i coinvolto/i. Se questi/e ultimi/e sono residenti in questa circoscrizione consolare, il richiedente dovrà avviare la procedura di richiesta di emissione di un decreto consolare da parte del Console Generale a Lugano. Questo procedimento si avvia con la presentazione di un’istanza scritta dell'interessato/a, indicando i motivi del mancato assenso e le ragioni per cui il rifiuto viene eventualmente ritenuto pretestuoso o ingiustificato. La domanda deve inoltre contenere:

- l'ultimo indirizzo ed i contatti (telefono, e-mail, etc.) del genitore non consenziente, in modo da agevolare l’attività successiva dell'Ufficio Consolare.

Si fa presente che, in fase istruttoria, l’Ufficio potrà richiedere documentazione supplementare a comprova delle dichiarazioni ricevute ed eventualmente informazioni dettagliate circa gli obblighi imposti alla responsabilità genitoriale ed all'affidamento del minore.

Nel caso in cui si verifichi che le ragioni del dissenso dell'altro genitore sono effettivamente ingiustificate, il Console Generale, in qualità di Giudice Tutelare e con apposito Decreto, può autorizzare il rilascio del passaporto.

- RICHIESTA DEL DOCUMENTO

- DOMANDE FREQUENTI - FAQ: PRENOTAONLINE

- URGENZA

- Dichiarazione di accompagno per minori di anni 14

- Modifica della residenza sul passaporto

(*) INFORMATIVA ai sensi dell'art. 13 del Codice in materia di protezione dei dati personali (D.Lgs. N. 196/2003)

In relazione all' acquisizione e alla verifica delle impronte digitali, secondo quanto previsto dalla vigente normativa ai fini del rilascio del passaporto, informiamo di quanto segue:

• il trattamento dei dati relativo all' acquisizione e verifica delle impronte digitali è improntato ai principi di correttezza, liceità, trasparenza e di tutela della riservatezza e dei diritti dell'interessato;

• il titolare del trattamento dei dati è il Ministero degli Affari Esteri, con sede in piazzale della Farnesina 1, I- 00194 Roma;

• responsabile del trattamento dei dati è il Ministero dell'Interno, presso cui è istituita la relativa banca dati. Il trattamento è effettuato esclusivamente da personale appositamente incaricato;
• Il trattamento oggetto della presente informativa è previsto dalla normativa europea e, iI1 particolare, dai Regolamenti (CE) n. 2252/2004 e n. 44412009 nonché dal DM 303/014 del 23 giugno 2009, ai fini di garanzia contro la contraffazione del passaporto;

• i dati suddetti, nel rispetto della citata normativa, sono raccolti esclusivamente per le finalità come sopra descritte;

• non verrà richiesto il conferimento di altri dati di tipo biometrico oltre la foto e l'impronta digitale del dito indice (o, se non disponibile, di altro dito medio, anulare o pollice) di entrambe le mani;

• le impronte digitali verranno inserite nel microchip, non saranno diffuse né saranno conservate in banche dati di alcun tipo;

• si rammenta, infine che sarà sempre possibile esercitare i diritti di cui all' art. 7 del Codice in materia di protezione dei dati personali (D. Lgs. N. 196/2003).


27