Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Carta d'identità

 

Carta d'identità

A partire dal 16 novembre 2020, il Consolato Generale d’Italia a Lugano rilascia esclusivamente la carta d'identità elettronica (CIE) in formato tessera plastificata.

Per il rilascio della CIE si dovrà seguire la procedura di prenotazione sotto descritta, in quanto non è consentito richiedere la CIE direttamente allo sportello senza previo appuntamento.

1) Che cos'è la carta d'identità elettronica?

2) A chi può essere rilasciata la carta d’identità elettronica?

3) A partire da quando è possibile richiedere la carta d’identità elettronica (CIE)?

4) Come si richiede la carta d’identità elettronica (CIE)?

5) Come si prende un appuntamento sul portale Prenota on line?

6) È possibile chiedere l’appuntamento per un’altra persona?

7) È possibile chiedere l’appuntamento per più persone?

8) Qual è la documentazione necessaria da presentare il giorno dell’appuntamento?

9) Quali sono le operazioni che saranno effettuate il giorno dell’appuntamento?

10) Come si riceve la Carta d’identità elettronica?

11) Quanto tempo vale la carta d’identità?

12) Cos’è l’atto di assenso ?

13) È possibile modificare la carta d’identità?

14) È possibile per le donne sposate inserire il cognome del marito?

Contatti dell'Ufficio Carte d'identità

DOVE SI PUO' VIAGGIARE CON LA CARTA D'IDENTITÀ

1) Che cos'è la carta d'identità elettronica?

La carta d'identità è un documento personale di riconoscimento valido per identificarsi e circolare nell’Unione Europea, in alcuni Stati aderenti all'accordo di Schengen (ad es. Islanda, Norvegia e Svizzera) ed in altri Stati con cui sono stati raggiunti accordi bilaterali (vedasi le singole “schede Paese” sul sito web www.viaggiaresicuri.it).

La carta d’identità elettronica (CIE) è la nuova carta d’identità in formato tessera; oltre a svolgere le stesse funzioni di quella cartacea, consente di accedere ai servizi online delle Pubbliche Amministrazioni italiane.

2) A chi può essere rilasciata la carta d’identità elettronica?

Il Consolato Generale d’Italia a Lugano rilascia la carta d'identità esclusivamente ai/lle cittadini/e italiani/e regolarmente residenti in Ticino, registrati/e nello schedario consolare ed i cui dati anagrafici siano già presenti nel registro A.I.R.E. (Anagrafe degli Italiani Residenti all'Estero) del Ministero dell'Interno.

La CIE viene rilasciata:

- a chi non sia in possesso di un’altra carta d’identità valida;

- a chi abbia la carta d’identità in scadenza (a partire da 6 mesi prima della scadenza);

- in caso di furto, smarrimento o deterioramento dellaprecedente carta d’identità.

Chi non è iscritto all’A.I.R.E. dovrà prima regolarizzare la propria posizione anagrafica tramite il portale FAST IT - Servizi consolari on-line (la procedura è descritta alla pagina Come iscriversi all'A.I.R.E.) ed attendere, prima di poter fare richiesta della CIE, di essere inserito in tale registro da parte del Comune italiano competente (per i cittadini non iscritti all’A.I.R.E., la competenza al rilascio della carta d’identità rimane al Comune italiano di residenza).

Ai fini del rilascio della CIE è indispensabile, per i/le cittadini/e italiani/e nati/e all’estero, che l’atto di nascita risulti già trascritto nei registri di Stato Civile del Comune di riferimento.

Nel caso sia cambiato l’indirizzo di residenza (rispetto a quello presente nello schedario consolare), è necessario comunicare la variazione dell’indirizzo tramite il portale FAST IT - Servizi consolari on-line, seguendo la procedura descritta alla pagina Comunicazione cambio di indirizzo nel Canton Ticino.

Inoltre, per ottenere la CIE è indispensabile possedere il codice fiscale validato dall’Agenzia delle Entrate. Qualora il/la richiedente la CIE non sia in possesso di un codice fiscale o quest’ultimo non sia stato validato, sarà cura del Consolato Generale richiederlo tramite l’Agenzia delle Entrate.

3) A partire da quando è possibile richiedere la carta d’identità elettronica (CIE)?

Si può fare richiesta di appuntamento per il rilascio della carta d’identità elettronica a partire dal 2 novembre 2020.

4) Come si richiede la carta d’identità elettronica (CIE)?

La richiesta della carta d’identità elettronica deve essere presentata esclusivamente utilizzando il portale Prenota OnLine.

5) Come si prende un appuntamento sul portale Prenota on line?

Sono disponibili dettagliate ISTRUZIONI: come registrarsi ed effettuare una prenotazione sul sito web del Consolato Generale d’Italia a Lugano.

La prenotazione è nominativa: i dati anagrafici inseriti devono corrispondere a quelli indicati sul documento d'identità del/la richiedente la carta d’identità elettronica (CIE).

Dal momento della richiesta alla data dell’appuntamento trascorrono almeno quindici giorni, necessari per consentire all’ufficio consolare di effettuare il controllo dei dati anagrafici, risolvere eventuali disallineamenti tra i dati presenti nello schedario consolare e quelli presenti nello schedario del Comune italiano, e verificare che non sussistano cause ostative al rilascio del documento.

ATTENZIONE: Nel caso in cui, a seguito delle verifiche, emergessero elementi che impedissero (temporaneamente o meno) il rilascio della CIE, il/la richiedente sarà contattato/a dalla Sede consolare per la cancellazione dell’appuntamento.

6) È possibile chiedere l’appuntamento per un’altra persona?

Sì, è possibile. Tuttavia, al fine di consentire le necessarie verifiche, è necessario che al momento della richiesta dell’appuntamento siano forniti i dati della persona che intende ottenere la CIE (richiedente).

Ad esempio, nel caso di figli minori, il genitore può, dalla propria utenza, far domanda di appuntamento per il figlio. In tal caso nella scheda da compilare per l’appuntamento dovrà rispondere alla prima domanda “L’appuntamento è per” indicando “Un’altra persona” e poi inserire i dati anagrafici (nome, cognome e data di nascita) del/la minore.

Allo stesso modo, se si intende prenotare un appuntamento per un’altra persona, si potrà accedere con la propria utenza, selezionare nel campo “L’appuntamento è per” “Un’altra persona” e quindi procedere con l’inserimento dei dati anagrafici (nome, cognome e data di nascita) dell’altra persona.

7) È possibile chiedere l’appuntamento per più persone?

Sì, è possibile. Tuttavia, al fine di consentire le necessarie verifiche, è necessario che al momento della richiesta dell’appuntamento siano forniti i dati anagrafici di tutte le persone che intendono ottenere la CIE: la procedura è dettagliatamente descritta al punto 5. lettera c. delle ISTRUZIONI: come registrarsi ed effettuare una prenotazione.

Qualora si desideri l'emissione della CIE per più persone (massimo 3 compreso/a l'interessato/a, 1 CIE = 1 appuntamento) è necessario prenotare un appuntamento per ogni persona richiedente. Alle persone prive di appuntamento non potrà essere permesso l'accesso al servizio.

8) Qual è la documentazione necessaria da presentare il giorno dell’appuntamento?

Il giorno dell’appuntamento il/la richiedente dovrà presentarsi munito/a di:

    • fotocopia ed originale della precedente carta d’identità (o di altro documento di riconoscimento. Se non si possiede altro documento di riconoscimento, due testimoni che non siano parenti dell’interessato). Se la CIE è richiesta per un/a minore, è necessario che anche il genitore che l’accompagna presenti un documento di riconoscimento;

    • 1 fotografia formato tessera a colori, recente, con inquadratura in primo piano, frontale, sfondo bianco – formato ICAO;
    • nel caso in cui il/la richiedente abbia figli minori di 18 anni, è necessario l'atto di assenso al rilascio della CIE da parte dell’altro genitore, a prescindere dallo stato civile del richiedente (celibe/nubile, coniugato, separato o divorziato);

Se l’altro genitore non è cittadino/a dell'Unione Europea, la sua firma sull’atto di assenso va autenticata: presso il Consolato Generale al momento dell'appuntamento, presso il Comune svizzero di residenza o altro ufficio pubblico, oppure da un notaio. Al fine di verificare la correttezza dell'atto di assenso presentato, è necessario che il/la minore sia già iscritto/a in anagrafe o che venga presentato l’originale dell’atto di nascita del/la minore da cui si evincano maternità e paternità.

    • nel caso in cui il/la richiedente non sia più in possesso del precedente documento in seguito a furto o smarrimento, è necessario presentare, al momento dell’appuntamento, la denuncia effettuata presso le competenti autorità;
    • il versamento del contributo amministrativo potrà essere effettuato il giorno stesso dell’appuntamento tramite BANCOMAT (esclusivamente V PAY, MAESTRO, POSTFINANCE). L'utilizzo dei contanti sarà limitato ai soli casi di estrema necessità. In alternativa, e con un anticipo di almeno 3 giorni lavorativi precedenti l’appuntamento: tramite e-banking (IBAN: CH91 0900 0000 6512 8580 2) o bollettino postale sul conto corrente n. 65-128580-2 intestato a Consolato Generale d’Italia - Lugano (in entrambi i casi all’appuntamento è necessario produrre fotocopia dell’avvenuto versamento). L’importo dovuto in valuta locale varia trimestralmente in base all’aggiornamento del cambio euro-franco svizzero ed è indicato nelle Tariffe dei servizi consolari.

9) Quali sono le operazioni che saranno effettuate il giorno dell’appuntamento?

Il giorno dell’appuntamento, il/la funzionario/a dell'ufficio consolare acquisisce la documentazione indicata al punto precedente, effettua il riconoscimento e la verifica della foto ed acquisisce le impronte digitali e la firma (salvo per i minori di anni 12).

E’ necessaria la presenza anche del/la richiedente minore di anni 12, al fine di procedere alla sua identificazione da parte del/la funzionario/a dell'ufficio consolare. I/le minori devono essere sempre accompagnati/e da uno dei genitori o comunque dal titolare della responsabilità genitoriale.

10) Come si riceve la Carta d’identità elettronica?

La CIE è emessa dal Ministero dell’Interno e prodotta dall’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, che la spedisce, a mezzo posta raccomandata, all’indirizzo di residenza (o recapito) dichiarato dal/la richiedente. Salvo casi particolari, la CIE dovrebbe pervenire per posta entro 15 giorni dal giorno dell’appuntamento. Il/la richiedente potrà seguire la raccomandata autonomamente online, attraverso il codice di tracciamento).

In caso di mancata consegna, scaduto il termine di giacenza presso l’ufficio postale, il plico viene restituito all’Ufficio consolare per ulteriori tentativi di consegna.

Si invitano i/le richiedenti la CIE ad accertarsi che il proprio cognome di nascita appaia sulla buca delle lettere (cognome da nubile per le donne coniugate).

11) Quanto tempo vale la carta d’identità?

La validità della carta d’identità varia a seconda dell'età del/la titolare ed è pari a:

• 3 anni per i/le minori di età compresa tra 0 e 3 anni;

• 5 anni per i/le minori di età compresa tra 3 anni ed il raggiungimento della maggiore età (18 anni);

• 10 anni dai 18 anni di età.

12) Cos’è l’atto di assenso?

Se il/la RICHIEDENTE è GENITORE DI MINORI è obbligatoriamente richiesto l'assenso dell'altro genitore, a prescindere che si tratti di convivente, coniuge, separato o divorziato. L'atto di assenso è una dichiarazione personale prevista dalla legge italiana, che l'altro genitore può sottoscrivere utilizzando l'apposito modulo di assenso. All'atto di assenso va allegata una fotocopia del proprio documento di identità.

Se l’altro genitore non è cittadino/a dell’Unione Europea la sua firma va autenticata personalmente dall’Ufficio consolare o dal Comune svizzero di residenza o altra autorità competente (notaio).

Al fine di verificare la correttezza dell’atto di assenso presentato è necessario che il/la minore sia iscritto/a in anagrafe consolare o che venga presentato l’originale dell’atto certificato di nascita del/la minore da cui si evincano maternità e paternità.

In caso di decesso di uno dei genitori, è necessario presentare l’atto di morte dello stesso.

Se un genitore si rifiuta di firmare l'atto di assenso:

il/la richiedente può ottenere la carta d’identità esclusivamente tramite la pronuncia del Giudice tutelare territorialmente competente in relazione alla residenza del/i minore/i coinvolto/i. Se questi/e ultimi/e sono residenti in questa circoscrizione consolare, il richiedente dovrà avviare la procedura di richiesta di emissione di un decreto consolare da parte del Console Generale a Lugano. Questo procedimento si avvia con la presentazione di un’istanza scritta dell'interessato/a, indicando i motivi del mancato assenso e le ragioni per cui il rifiuto viene eventualmente ritenuto pretestuoso o ingiustificato. La domanda deve inoltre contenere:

- l'ultimo indirizzo ed i contatti (telefono, e-mail, etc.) del genitore non consenziente, in modo da agevolare l’attività successiva dell'Ufficio Consolare.

Si fa presente che, in fase istruttoria, l’Ufficio potrà richiedere documentazione supplementare a comprova delle dichiarazioni ricevute ed eventualmente informazioni dettagliate circa gli obblighi imposti alla responsabilità genitoriale ed all'affidamento del minore.

Nel caso in cui si verifichi che le ragioni del dissenso dell'altro genitore sono effettivamente ingiustificate, il Console Generale, in qualità di Giudice Tutelare e con apposito Decreto, può autorizzare il rilascio della carta d’identità.

13) È possibile modificare la carta d’identità?

No. La carta d’identità è un documento di identità, e non di residenza o di stato civile. Non è pertanto possibile aggiornare l’indirizzo sulla carta di identità. In caso di modifica dell’indirizzo, l’interessato/o potrà recare con sé copia del certificato di residenza rilasciato dalle competenti autorità svizzere.

14) È possibile per le donne sposate inserire il cognome del marito?

In analogia a quanto avviene sul territorio nazionale, NON è possibile, per le donne sposate, inserire il cognome del marito.

Contatti dell'Ufficio Carte d'identità:

L’Ufficio carte d’identità è contattabile via e-mail e telefonicamente negli orari di ricezione telefonica.

________________________________________________________________________

DOVE SI PUO' VIAGGIARE CON LA CARTA D'IDENTITÀ

La carta d'identità consente l'espatrio nei seguenti Paesi:

Albania, Austria, Belgio, Bosnia-Erzegovina, Bulgaria, Cipro, Croazia, Danimarca, Egitto (solo viaggi organizzati), Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Islanda, Italia, Lettonia, Liechtenstein, Lituania, Lussemburgo, Macedonia, Malta, Montenegro, Norvegia, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Regno Unito, Repubblica Ceca, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, Svizzera, Tunisia (solo viaggi organizzati), Turchia (solo viaggi organizzati), Ungheria.

Attenzione!

Prima d'intraprendere un viaggio si raccomanda un’attenta consultazione del sito web www.viaggiaresicuri.it dove sarà possibile reperire, per ogni singolo Stato di destinazione, le informazioni aggiornate sul/i documento/i di viaggio richiesto/i per l’ingresso nel Paese e su eventuali restrizioni e/o requisiti specifici.


101